Rubriche


Non si resta mai a pancia vuota

Non si resta mai a pancia vuota


Posted on Mag 18, 2015

Molti quando pensano alla cucina giapponese pensano al sushi e al sashimi. Onestamente non gradisco nessuno dei due per il semplice fatto che non mangio pesce, eppure in Giappone non sono mai morto di fame. Il motivo è semplice, le specialità a base di pesce crudo sono solo la punta dell’iceberg di una cucina estremamente variegata e complessa; la maggior parte dei piatti della tradizione non arrivano qui da noi ed essendo pressoché sconosciuti, la gente non nutre alcun tipo di interesse ad assaggiarli, eppure ci sono delle prelibatezze che farebbero tranquillamente le scarpe a qualsiasi piatto nostrano.

Read More
Bisogna svegliarsi presto

Bisogna svegliarsi presto


Posted on Mag 11, 2015

Una cosa che ho tristemente appreso a spese dei miei amici più cari è che in Giappone tutto, o quasi, chiude molto presto. La prima volta che andammo in Giappone non me ne resi conto e quasi per caso organizzai la maggior parte delle attività di mattina. Prima di pranzo andavamo a visitare templi, musei e luoghi di interesse, mentre nel pomeriggio bighellonavamo per le città senza una meta precisa, visitando strade e negozi che, almeno fino all’ora di cena, erano sempre aperti.

Read More
I fumetti non esagerano granché

I fumetti non esagerano granché


Posted on Mag 4, 2015

Quando ci si approccia ad un fumetto, si tende a sospendere il giudizio su molte questioni semplicemente perché si è consci di stare leggendo un’opera di fantasia. Nei manga ci sono alcuni elementi ricorrenti che spesso fanno parte del contorno o dello sfondo della scena e, dopo anni di avide letture, quasi non ci si fa più caso. Poi un giorno riesci a coronare il tuo sogno di andare a visitare quello strano e folle paese e scopri cheque gli elementi che associavi al regno della fantasia sono più reali che mai e fanno parte della vita quotidiana. La lista che segue è sicuramente incompleta, ma riporta tutti gli elementi che più mi hanno colpito.

Read More
Nessuno (o quasi) parla inglese

Nessuno (o quasi) parla inglese


Posted on Apr 27, 2015

Non che noi italiani si sia famosi per la nostra dialettica anglofona, ma in Giappone si raggiungono vette inimmaginabili. Tutto ha origine dalla loro fonetica molto particolare; per iniziare non usano la L sostituendola con la R e ogni consonante, fatta eccezione della N, deve essere accompagnata da una vocale. Questo crea non pochi problemi ad interfacciarsi con una lingua così lontana dalla loro, talmente lontana che in linea di massima neanche ci provano ad avvicinarcisi. Oddio, non voglio fare di tutta l’erba un fascio, a noi è capitato in due o tre occasioni di incontrare persone che l’inglese lo sapevano e lo parlavano molto fluentemente, ciò non toglie che arrivando lì è necessario partire preparati sapendo che le nostre poche conoscenze della lingua di Shakespeare saranno più o meno inutili.

Read More
Non è una meta (troppo) costosa

Non è una meta (troppo) costosa


Posted on Apr 20, 2015

Vorrei inaugurare la nuova rubrica di approfondimento “Cosa ho imparato sul Giappone” sfatando un mito! Ebbene sì, il Giappone non è affatto un luogo costoso (non troppo almeno). In realtà la cosa più spaventosa dell’andare verso il lontano paese del sol levante è che, appunto, è molto lontano. Il costo del volo sembra esorbitante ed è facile pensare che con la sola cifra necessaria per arrivare in Giappone ci si possa pagare un’intera vacanza presso un’altra meta più vicina. Questo in parte è vero, ma è sufficiente accettare di fare uno scalo e controllare spesso le offerte (soprattutto a partire da 4 o 5 mesi prima di partire) per riuscire ad acquistare un volo di andata e ritorno intorno ai 400 euro.

Read More

Pin It on Pinterest